Enoturismo: adotta una vite o un filare in Irpinia

Vite

Nonostante il periodo non sia ideale per viaggiare, pensiamo che l’iniziativa di enoturismo di cui vi parliamo sia meritevole di attenzione, nella speranza di una ripresa della mobilità e un miglioramento della situazione sanitaria.

Ben 22 aziende hanno aderito al progetto Vitignirpini, nato nel marzo del 2020. Il fatto che, nonostante si fosse in piena pandemia, il progetto sia stato comunque sviluppato, denota la convinzione di chi ha intuito le potenzialità enoturistiche di questo territorio, spesso sottovalutato.

Il progetto prevede la possibilità di acquistare pacchetti per un’esperienza unica nei vigneti e nelle cantine Docg dell’Irpinia. I vitigni interessati comprendono il Taurasi, rosso Aglianico e i bianchi, Greco di Tufo e Fiano di Avellino.

Il pacchetto prevede la possibilità di adottare una vite o un filare di vigneto, assaggiare prodotti tipici e acquistare vini con lo sconto del 10%. Tutto ciò durante un soggiorno per due persone. Il progetto “Adotta una vite” permette di seguire, dalla crescita fino all’imbottigliamento, il percorso di una intera vigna, di un filare o di una vite. Si riceverà il certificato di adozione, 3 bottiglie dell’annata e 6 bottiglie personalizzate frutto dell’uva prodotta dalla vite adottata.

 L’iniziativa è volta a promuovere l’enoturismo e la conoscenza della viticoltura irpina, ma anche il territorio circostante alle cantine. Si prevede infatti un allargamento del progetto con visite ai centri storici, ai borghi, nonché escursioni tra le montagne Irpine.

Se vuoi saperne di più o reperire ulteriori dettagli, puoi visitare il sito del progetto: https://www.vitigniirpini.com/

Se invece come allestire un vigneto domestico, puoi documentarti sul nostro sito: https://cantinarossa.com/il-sogno-di-un-vigneto-domestico-la-mia-esperienza/